8 modi per smascherare una bugia

Douglas Harris 05-06-2023
Douglas Harris

Una persona dice, in generale, tre bugie ogni dieci minuti, secondo uno studio condotto da Robert Feldman, professore di psicologia presso l'Università del Massachusetts, negli Stati Uniti, e autore del libro "Chi è il bugiardo della tua vita?". La ricerca indica che il ricorso alla falsità è una questione di abitudine e un modo per mantenere una buona convivenza sociale.

Lo specialista in sicurezza elettronica e autore del libro "La menzogna - un volto dalle molte facce", Wanderson Castilho, rafforza il coro: secondo lui, è praticamente impossibile per un essere umano vivere nella società senza usare lo strumento della menzogna in qualche momento della vita.

Guarda anche: Cosa significa sognare un occhio?

"Chi dice di non mentire mai, sta mentendo. Ci sono molte ragioni per cui mentiamo, tra cui quando siamo mossi dalla vergogna o dall'orgoglio. In altri casi, è probabile che mentiamo per ridurre l'impatto che avrebbe la verità. In altre parole, mentiamo per evitare di ferire le persone a cui teniamo, o per evitare situazioni imbarazzanti", spiega la professionista, che è stata la prima brasiliana certificata a mentire.dal Behaviour Analysis Training Institute (BATI) di San Diego, USA.

Tipi di bugie

Nel suo libro, Wanderson Castilho afferma che nelle relazioni amorose si mente di più quando c'è un'eccessiva preoccupazione e sfiducia da parte dell'altro. Per lui, l'insicurezza genera disagio e difficoltà a rivelare la verità. L'opera sottolinea anche che i flirt e l'attrazione per le altre persone, i contatti e le amicizie, il livello di impegno, le fantasie sessuali, il tradimento, la soddisfazione sessuale eL'apparenza è anche un problema che la coppia di solito nasconde al proprio partner.

Nell'ambiente di lavoro, lo specialista sottolinea che le bugie più comuni sono legate a ritardi, lavori non portati a termine o attitudini esagerate.

Guarda anche: I quattro angoli della mappa astrologica

C'è chi ritiene che alcune bugie siano necessarie per mantenere la convivenza sociale. In alcuni casi, ricorrere alla dissimulazione può essere considerato un segno di educazione, poiché la nuda verità tende spesso a essere interpretata come maleducazione.La conclusione è stata che uomini e donne mentono nella stessa proporzione. Mentre le donne tendono a mentire riferendosi a incidenti o a fatti tristi della loro vita, gli uomini tendono a raccontare vantaggi. Molti aumentano o inventano conquiste professionali, personali e sessuali", dice lo specialista.

In alcuni casi, il ricorso alla dissimulazione può essere considerato un segno di educazione, poiché la nuda verità tende spesso a essere interpretata come maleducazione.

Per Wanderson, la menzogna è, per la mente umana, una grande arma di conservazione sociale: "Dal punto di vista psicologico, la menzogna è un atto istintivo di conservazione, proprio come il dolore o la febbre lo sono dal punto di vista fisiologico. Senza di essa, la società crollerebbe. Immaginiamo un marito che ha molti amici e che di solito decide come impiegare il proprio tempo libero. Se la moglie non vuoleSi può usare qualsiasi scusa, come lavorare fino a tardi, per sottrarsi all'impegno, senza ferire la persona che si ama", esemplifica.

La menzogna si impara nell'infanzia

Le tecniche di dissimulazione vengono di solito apprese dai bambini fin dalla più tenera età. Un esempio è quando i genitori rimproverano i figli per la loro frustrazione quando ricevono un regalo che non hanno gradito. I responsabili di solito obbligano il piccolo a ringraziare quando notano un certo disappunto nel bambino. E questo può essere considerato un modo per stimolare la menzogna sociale.

"Nulla giustifica una bugia, qualunque sia la sua intenzione, e bisogna insegnare ai bambini a dire sempre la verità. Questo apprendimento avviene progressivamente durante l'infanzia e i genitori sono i principali insegnanti. I bambini si rispecchiano molto di più nei loro atteggiamenti che nelle loro parole. I genitori che usano sempre la verità, che si assumono la responsabilità di ciò che fanno e dicono, creanoSi insegna solo ciò che si è", consiglia Wanderson.

Riconoscere una bugia

Secondo lo specialista in sicurezza elettronica, poche persone sono preparate a identificare un bugiardo su base quotidiana. Ci vuole allenamento e pratica per migliorare la capacità di "leggere" i segni della menzogna. Il professionista insegna che per riconoscere una dissimulazione della verità è necessario comprendere il comportamento standard della persona, prestare attenzione a ciò che dice, ai piccoli movimentidel viso (micro espressioni facciali), sul corpo e nelle variazioni del tono della voce.

"Quando una persona mente, sta negando la verità e qualche parte della sua espressione facciale o del suo corpo la tradisce. Aspetti come la frequenza con cui si sbattono le palpebre, l'uso delle sopracciglia per enfatizzare qualche parte della conversazione, la posizione delle mani e delle gambe, la rigidità delle spalle, l'aspetto della fronte e della bocca sono alcuni esempi di atteggiamenti che possono far capire che la persona sta mentendo.mentire", insegna lo specialista.

Per aiutarvi a identificare un bugiardo, Wanderson Castilho ha elencato di seguito 8 semplici consigli per l'osservazione, che potete consultare:

  • Labbra: Mordersi o leccarsi le labbra può essere un forte indizio di menzogna.
  • Voce: Per compensare, la persona cerca di parlare più forte.
  • Occhio: Il bugiardo distoglie lo sguardo mentre dice la sua bugia e poi lo guarda da vicino, volendo osservare se è riuscito a ingannare.
  • Secchezza: A causa di una reazione di adrenalina, il bugiardo si ritrova con la gola e la bocca secche, ed è comune soffocare o deglutire a secco.
  • Coprire parzialmente la bocca: Tende a essere un gesto rapido, perché esprime un conflitto: una parte del bugiardo non vuole essere messa a tacere - ma continuare con la sua menzogna.
  • Toccare il naso: Nei momenti di tensione la sensibilità della mucosa nasale aumenta, per cui quando ci si sdraia il naso prude, anche se può essere una sensazione così lieve che quasi non si nota.
  • Spalla: sollevare leggermente una spalla.
  • Espressione facciale distorta: Quando siamo autentici, usiamo i muscoli facciali giusti per esprimere un'emozione. In un sorriso finto e moderato, non compaiono le zampe di gallina, le guance non sono sollevate e gli occhi sono meno tesi. In un sorriso vero, si usano più muscoli e la palpebra superiore si piega un po' sugli occhi.

Se ancora non riuscite a identificare una bugia, provate a fare il contrario: incoraggiate l'interlocutore a dire la verità. Il consiglio è di stabilire una vicinanza nella conversazione. Secondo Wanderson, più siete vicini fisicamente, più sarà difficile per la persona mentire.

Douglas Harris

Douglas Harris è un esperto astrologo e scrittore con oltre due decenni di esperienza nella comprensione e interpretazione dello zodiaco. È noto per la sua profonda conoscenza dell'astrologia e ha aiutato molte persone a trovare chiarezza e comprensione delle loro vite attraverso le sue letture dell'oroscopo. Douglas ha una laurea in astrologia ed è apparso in varie pubblicazioni, tra cui Astrology Magazine e The Huffington Post. Oltre alla sua pratica di astrologia, Douglas è anche uno scrittore prolifico, avendo scritto diversi libri di astrologia e oroscopi. È appassionato di condividere le sue conoscenze e intuizioni con gli altri e crede che l'astrologia possa aiutare le persone a vivere una vita più appagante e significativa. Nel tempo libero, Douglas ama fare escursioni, leggere e trascorrere del tempo con la sua famiglia e gli animali domestici.