Peter Pan: un racconto che affronta la paura di impegnarsi e di diventare maggiorenni

Douglas Harris 17-10-2023
Douglas Harris

La famosa favola di Peter Pan è stata creata da James Matthew Barrie mentre raccontava storie ai figli dell'amica Sylvia Llewelyn Davies. Peter era inizialmente destinato al teatro, ma è apparso per la prima volta in un libro nel 1902 intitolato "L'uccellino bianco". L'opera è una versione romanzata del rapporto di Barrie con i figli di Sylvia Davies ed è stata successivamente adattata nel filmNel 1911 Barrie realizzò un altro adattamento della storia che chiamò "Peter e Wendy", ma che di solito è conosciuto semplicemente come Peter Pan.

La storia è quella di un bambino di nome Peter Pan che si rifiuta di crescere e vive alla ricerca di magiche avventure, rappresentato come un adorabile ragazzo vestito di foglie e ricoperto di linfa, che suona il flauto e ha ancora i denti da latte.

La storia è quella di un bambino di nome Peter Pan che si rifiuta di crescere e vive alla ricerca di magiche avventure, rappresentato come un adorabile ragazzo vestito di foglie e ricoperto di linfa, che suona il flauto e ha ancora i denti da latte.

La bambina Wendy e i suoi due fratelli, che vivono a Londra, ricevono ogni notte la visita di Pan, che all'inizio appare in sogno ai bambini. Tuttavia, la madre dei bambini - che già conosce Peter dalla sua infanzia - si accorge che qualcosa non va e inizia a dormire con i suoi figli.

Una sera, quando dovette partire con il marito, accadde la tragedia e i bambini partirono con Pan per l'Isola che non c'è. Nel libro, l'autore dice che a partire dall'età di due anni il bambino si rende conto che crescerà. Secondo la psicologia analitica, intorno a questa età il bambino comincia ad avere la nozione di "io", cioè comincia a rendersi conto di essere un essere separato da sua madre e suo padre. È in questa fase cheil suo ego inizia a formarsi e ad affermarsi come individuo.

La paura e l'angoscia di crescere

L'ego, nella psicologia analitica, è ciò che ci dà la nozione di "io", di ciò che siamo, di ciò che desideriamo e di ciò che sentiamo. E ha una base somatica, cioè ha un aspetto di identificazione con il corpo. Per questo motivo,Quando ci rendiamo conto di essere un soggetto, ci viene un senso di finitudine che ci spaventa.

Il libro non menziona l'età di Wendy, ma la narrazione mostra che la ragazza sta uscendo dalla fase infantile e sta entrando nella pubertà. Comincia a mostrare interesse per Peter con desiderio amoroso e gli chiede un bacio, il che segnala che sta entrando nella fase dell'incontro con l'altro. Inoltre, Wendy comincia anche a desiderare di essere madre e di formare una famiglia. E qui sta la forza del conflitto e delladisagio del bambino.

Wendy è l'eroina della storia e la sua angoscia si manifesta nella fuga dalla realtà, che avviene con un viaggio nell'Isola che non c'è. Lì Wendy fantastica di aver formato una famiglia. È solo un gioco in cui non deve impegnarsi.

Secondo la psicoterapeuta analitica tedesca Marie-Louise Von Franz, Peter Pan si avvicina all'archetipo che Carl Jung chiamava Puer Aeternus In altre parole, l'eterno bambino.

Secondo la psicoterapeuta analitica tedesca Marie-Louise Von Franz, Peter Pan si avvicina all'archetipo che Carl Jung chiamava Puer Aeternus In altre parole, l'eterno bambino.

Puer Aeternus È anche il nome di un Dio dell'antichità: era il Dio-bambino dei misteri eleusini, chiamato Iaco. Più tardi fu identificato con Dioniso e con il Dio Eros. È un Dio di vita, di morte e di resurrezione, quello della giovinezza divina.

A Pan, dopo il confronto con Capitan Uncino, il pirata chiede chi sia e il ragazzo risponde: "Sono la giovinezza, sono la gioia, sono un uccellino che si è appena schiuso". A conferma del fatto che si tratta di un'immagine archetipica della Puer Aeternus .

Guarda anche: Ciondolo di salgemma: a cosa serve e come si usa

Peter Pan rappresenta il comportamento infantile di alcuni uomini

In termini individuali, Peter Pan indica un certo tipo di uomo che si comporta per tutta la vita come un adolescente, con atteggiamenti che sarebbero assolutamente normali per i giovani, ma che non corrispondono più alla vita adulta.

Peter Pan non aveva una madre e non sentiva il minimo desiderio di averne una. Pensava che fossero sopravvalutate. Tuttavia, si lega a Wendy e la porta sull'Isola che non c'è con la pretesa di trasformare la ragazza nella sua madre e in quella dei ragazzi perduti.

Ciò dimostra che l'uomo identificato con questo complesso si relaziona con una donna solo per cercare un sostituto di sua madre. Non vuole una compagna, ma qualcuno che si prenda cura di lui con amore materno, perché cerca una dea-madre. E ogni volta che si innamora di una persona, scopre presto che è un essere umano comune e quindi si sente frustrato nel cercare questa madre in un'altra donna.

Pan ha un rapporto ambiguo con la figura materna: pur disprezzandola, desidera fortemente averne una. In realtà, ciò che disprezza è l'aspetto della Madre Terribile, che appare nei racconti come la figura della strega. La Madre Terribile è estremamente necessaria per lo sviluppo della personalità e per il processo di individuazione, poiché è colei che ci spinge verso l'indipendenza e verso l'abbandono della famiglia.Nelle fiabe, lo fa inseguendo o cacciando l'eroe o l'eroina dalla casa.

Il fatto che voli dimostra che Peter vuole allontanarsi il più possibile dalla Terra e dalla sua vita quotidiana, per cui è comune per gli uomini identificati con questo archetipo praticare sport come l'alpinismo e l'aviazione, che simboleggiano la separazione dalla madre, cioè dalla Terra con la sua vita.

Il fatto che voli dimostra che Peter vuole allontanarsi il più possibile dalla Terra e dalla sua vita quotidiana, per cui è comune per gli uomini identificati con questo archetipo praticare sport come l'alpinismo e l'aviazione, che simboleggiano la separazione dalla madre, cioè dalla Terra con la sua vita.

Pan è estremamente seducente e carismatico, perché ha il fascino della giovinezza e quindi mostra il nostro lato seduttivo, che però non vuole affrontare la realtà e assumersi le responsabilità. Quante volte ci siamo sorpresi a sognare di liberarci dei doveri, quante volte abbiamo sognato di tornare ad essere bambini liberi e senza compromessi?

Questo lato di noi può essere estremamente stimolante e condurci in situazioni non convenzionali, facendoci uscire dalla routine. Tuttavia, dobbiamo fare attenzione a intervallare la nostra vita con responsabilità e impegno, poiché dare sfogo solo al lato infantile della nostra personalità può portarci all'alienazione e a conseguenze tragiche.

Capitan Uncino rappresenta gli aspetti oscuri di Peter

Anche il cattivo non ha una madre e, come il bambino, ne desidera una. Insegue la giovinezza di Pan, perché ne è l'opposto: vecchio, scontroso e desideroso di potere. Per questo cerca di impedire il rinnovamento. Come Cronos nella mitologia greca, Capitan Uncino cerca di impedire la crescita di una nuova vita, perché il bambino simboleggia anche questo.

Proprio come Crono nella mitologia greca, Capitan Uncino cerca di impedire la crescita di una nuova vita, perché il bambino simboleggia anche questo.

Guarda anche: Tutto sul segno del Sagittario

L'autore racconta che quando i bambini morivano, Peter Pan li accompagnava per un pezzo di strada, in modo che non avessero paura. In altre parole, è anche una guida per le anime. E questo può essere un percorso per lo sviluppo di un'identità. Puer Aeternus .

L'uomo con questo complesso può sviluppare gli aspetti di Hermes, il dio greco che simboleggia la guida delle anime. Puer impegnandosi in un lavoro creativo e non convenzionale, può aiutarvi ad assomigliare a questo Dio, simbolo di intelligenza e astuzia, diventando una guida per chi ha paura di attraversare il sentiero della propria vita.

Wendy fa riflettere: quando è il momento di maturare?

Wendy viene portata sull'Isola che non c'è e lì inizia a vivere in una casa sotterranea, all'interno della terra (che rappresenta simbolicamente la madre), in cui inizia a cucinare, cucire, pulire e riordinare. Lei e i ragazzi vivono anche all'interno degli alberi, che nella psicologia analitica simboleggiano la vita umana, lo sviluppo e il processo interiore di formazione della coscienza nell'essere umano.

Lo psicoterapeuta Von Franz sottolinea che quando un essere umano è sospeso su un albero è perché di solito si sottrae, cerca di liberarsi e di agire in modo libero e consapevole, e quindi viene dolorosamente richiamato nel suo processo interiore. Come il Puer Aeternus Molti giovani, a un certo punto della loro vita, devono risolvere il loro complesso materno e rendersi conto che il corso della vita non permette loro di rimanere eternamente in questo stato; devono morire.

In questo caso, la presenza di Wendy - che può simboleggiare l'anima (il lato femminile dell'uomo), che richiede l'individuazione e lo sviluppo della personalità - offre ai ragazzi l'opportunità di lasciare il loro complesso materno. Così li chiama a partire con lei. I ragazzi accettano l'invito, vanno con lei, crescono e iniziano a vivere una vita normale. Ma, sfortunatamente, una parte di Wendyrimane ancora bloccata nell'infantilismo, poiché Peter si rifiuta di andare con lei.

Dal punto di vista di Wendy, si può dire che simboleggia la donna che possiede un animus (lato maschile della donna) ancora in uno stato infantile.Nel racconto, il padre di Wendy è presentato come un uomo le cui emozioni non sono state differenziate.Egli lavora duramente ma non riesce a guadagnare abbastanza per la famiglia e vive facendosi prendere dalla sua anima e riempiendosi di umori volubili.Egli èE questa esperienza con il padre personale modella il rapporto di Wendy con il suo animus e con gli uomini.

Wendy cresce e si forma una famiglia, ma una parte del suo animus rimane ancora bloccata nell'infanzia. Così il racconto si conclude con la figlia e la nipote che ripetono il loro viaggio verso l'Isola che non c'è. In altre parole, il problema è stato risolto solo in parte e Peter rimane nel suo stato di eterno ragazzo.

Bibliografia:

  1. JUNG, C. G . Archetipi e inconscio collettivo . 6. Ed. Petrópolis: Vozes, 2008. / / Simboli di trasformazione Vozes, Petrópolis: 1986. Il sé e l'inconscio . 21 ed. Vozes. Petrópolis: 2008.
  2. STEIN M. Jung , La mappa dell'anima . 2 ed. San Paolo: Cultrix 2000.
  3. VON FRANZ, M. L . Puer Aeternus - La lotta dell'adulto contro il paradiso dell'infanzia Paulus, San Paolo: 2005. L'ombra e il male nelle fiabe Paulus, San Paolo: 2002.
  4. Wikipedia - accesso 23/07/2015

Per continuare a riflettere sul tema

Le fiabe aiutano a interpretare i sogni

Pocahontas: distacco affettivo e trasformazione

Cenerentola è una lezione di maturità e umiltà

Le fiabe attuali cambiano l'immagine della donna

Douglas Harris

Douglas Harris è un esperto astrologo e scrittore con oltre due decenni di esperienza nella comprensione e interpretazione dello zodiaco. È noto per la sua profonda conoscenza dell'astrologia e ha aiutato molte persone a trovare chiarezza e comprensione delle loro vite attraverso le sue letture dell'oroscopo. Douglas ha una laurea in astrologia ed è apparso in varie pubblicazioni, tra cui Astrology Magazine e The Huffington Post. Oltre alla sua pratica di astrologia, Douglas è anche uno scrittore prolifico, avendo scritto diversi libri di astrologia e oroscopi. È appassionato di condividere le sue conoscenze e intuizioni con gli altri e crede che l'astrologia possa aiutare le persone a vivere una vita più appagante e significativa. Nel tempo libero, Douglas ama fare escursioni, leggere e trascorrere del tempo con la sua famiglia e gli animali domestici.