Tre principi per superare i problemi nelle relazioni

Douglas Harris 06-06-2023
Douglas Harris

Tutti relazioni operano sulla base di principi universali Così come esiste la legge di gravità in fisica, esistono leggi che operano nelle relazioni personali.

Da soli, i principi La difficoltà risiede proprio nella rinuncia alla complessità, poiché la mente umana ama rendere tutto più complesso .

D'ora in poi analizzeremo tre principi universali per le relazioni Conoscendoli, abbiamo l'opportunità di applicare modifiche specifiche per migliorare tutti i tipi di relazioni personali.

Quando ci dedichiamo a cambiare le nostre abitudini per farle fluire con i principi operativi, diventa semplice ridurre i conflitti, acquisire saggezza insieme agli altri ed espandere la nostra capacità di amare.

Conoscere i tre principi universali delle relazioni

Principio di proiezione

Il principio della proiezione funziona come uno specchio: vediamo all'esterno solo quello che abbiamo dentro di noi:

  • Se siamo arrabbiati con l'altro, in realtà siamo arrabbiati con qualcosa in noi stessi.
  • Se giudichiamo l'altro, stiamo giudicando qualcosa della nostra persona.
  • Se proviamo risentimento per la decisione di un altro, possiamo essere gelosi o frustrati per la nostra incapacità di fare scelte per noi stessi.
  • Ogni volta che proviamo un sentimento di disagio nei confronti di un'altra persona, vale la pena di indagare per scoprire cosa c'è di irrisolto dentro di noi.

Questo vale anche per le cose positive che vediamo in noi stessi:

  • Se vediamo la bellezza nel mondo, è perché c'è bellezza dentro di noi.
  • Se vediamo l'amore, è perché c'è amore in noi stessi.
  • Se vediamo la compassione negli altri, abbiamo compassione dentro di noi.

Perché si verifica il principio di proiezione

Praticamente tutti noi siamo abituati a identificarci con la nostra forma fisica, con i ruoli sociali che ricopriamo, con certe caratteristiche che abbiamo, con i nostri gusti e preferenze personali, con le emozioni e le sensazioni che proviamo, con i pensieri e le convinzioni che coltiviamo.

Tuttavia, nulla di tutto ciò corrisponde alla realtà di ciò che siamo, spiritualmente parlando, Siamo una tela bianca su cui si proiettano tutti questi fenomeni.

Possiamo chiamare questa tela bianca Coscienza .

È come se fossimo al cinema: se il film non ci piace, non serve a nulla lottare contro le immagini o voler cambiare le scene già proiettate, che sono solo la materializzazione di qualcosa che viene proiettato sullo schermo.

Si deve quindi guardare il rullino e verificare cosa viene proiettato.

Questo è un punto piuttosto difficile da comprendere.

Una volta compreso che siamo la coscienza dietro la personalità (e non la personalità in sé), possiamo lasciare andare numerosi attaccamenti che causano conflitti nelle relazioni personali.

Con l'intento di illuminare le nostre ombre e i nostri limiti, la Coscienza stessa proietta sugli altri tutto ciò che non abbiamo ancora staccato da noi stessi.

Se siamo ossessionati dall'organizzazione, troveremo nella nostra vita persone disordinate che ci permetteranno di liberarci da questa ossessione. Se ci etichettiamo come intuitivi, è probabile che attireremo persone piuttosto razionali che impareremo ad amare. E così via.

Principio di dualità

Il principio di dualità dice che ogni cosa si alterna al suo opposto. Gli opposti sono complementari e ci offrono opportunità di apprendimento, saggezza e amore.

Invece di provare risentimento per il fatto che il nostro coniuge è diverso da noi, possiamo essere grati di esserlo. opposti complementari che si integrano in armonia.

La dualità causale: la distorsione del principio divino

Nella nostra società, spesso osserviamo la dualità causale, quella che divide Questa è l'origine etimologica della parola "diavolo", che significa "colui che divide" o "due". Un sinonimo è Satana, che etimologicamente significa "avversario".

Da queste antiche radici verbali possiamo ricavare l'essenza della sofferenza: la divisione .

La prima divisione avviene quando crediamo di essere individui e separati dalla comunità. Tutti Questo è il demonio, la divisione, in noi. La credenza in dualità opposte genera l'infinito di

cause e forze che ci portano alla sofferenza.

Guarda anche: Tutto quello che c'è da sapere sui Tarocchi

Dualità simbolica: il principio divino

Riconoscere che tutto appartiene al Divino ed è un tutt'uno porta alla risoluzione della sofferenza. In pratica, la dualità (opposti complementari) non è altro che uno strumento divino per unirci in armonia.

L'apparente dualità ci permette anche di vedere all'esterno ciò che abbiamo dentro, facendo luce su questioni inconsce della nostra vita, in modo da poter sviluppare amore e saggezza.

Pertanto, a un certo livello di verità, ogni cosa si alterna nei suoi opposti e vediamo delle divisioni. Tuttavia, nella Realtà Divina, non c'è mai stato alcun tipo di separazione.

Tutto è una cosa sola, che è ciò che possiamo chiamare Coscienza, Dio, Potere Superiore o qualsiasi altro nome che abbia senso per noi. .

Principio di impermanenza

Lo scopo di ogni relazione è lo sviluppo dell'amore e della saggezza. Ma cosa significa veramente amore? Noi di Pandora diciamo:

L'amore è accettare ciò che è, senza pretendere che cambi, dando il meglio di sé.

Guarda anche: Bilanciare i pro e i contro della vita

La frase qui sopra è piuttosto impegnativa. Accettare gli altri non è sempre facile e, anche quando li accettiamo momentaneamente, spesso rimaniamo in attesa che cambino.

Vogliamo cambiare il nostro coniuge, i nostri genitori e figli, i nostri colleghi e persino gli estranei. Vogliamo che tutti cambino per soddisfare i nostri attaccamenti.

A un certo punto della vita ci rendiamo conto che non abbiamo la capacità di cambiare l'altra persona e possiamo solo accettarla così com'è, senza creare aspettative. In questo momento, spesso si tende a smettere di dare il meglio di sé nelle relazioni.

"Poiché non posso cambiare l'altro, non mi darò completamente" Questo è il percorso opposto all'altruismo e persino alla prosperità finanziaria, perché impedisce la generazione di valore, che è la base per fare soldi.

Cosa significa il principio dell'impermanenza

Il principio dell'impermanenza dice che tutto è fugace e nulla ci appartiene. Le conquiste, i dolori, i riconoscimenti, le delusioni, i genitori, i figli, la personalità, i beni materiali, gli amici: non c'è nulla che sfugga alla legge dell'impermanenza.

Se l'altro è fugace, non ci appartiene. Se non ci appartiene, non abbiamo controllo su di lui. Se non abbiamo controllo su di lui, non possiamo cambiarlo, anche se possiamo fare del nostro meglio in ogni momento per offrire i nostri talenti al massimo livello.

Perciò possiamo solo accettare l'altro così com'è, senza aspettarci che cambi, dando il meglio di noi stessi. Questo è Amore incondizionato Quando amiamo incondizionatamente, smettiamo di giocare al "resterò con te solo se cambierai".

Questi ricatti emotivi e questi attaccamenti non hanno più senso. Cominciamo a donarci completamente senza aspettarci nulla in cambio. In fondo, la ricompensa per aver dato il meglio di sé è proprio la consapevolezza di compiere il nostro dovere.

Quando ci rendiamo conto che i nostri genitori, figli, coniugi o amici non sono nostri, ma sono solo temporaneamente nella nostra vita, smettiamo di cercare di controllarli.

Rinunciare al controllo e dare semplicemente il meglio di sé significa amare.

Questo non significa sottrarsi alle responsabilità: una madre può dare i migliori consigli possibili al proprio figlio adolescente e lasciare che sia lui a decidere cosa fare. Alimentare l'idea di poter controllare il proprio figlio porterà solo frustrazione.

La sofferenza nasce dalla negazione del principio dell'impermanenza, nasce dall'aspettativa. L'altra alternativa è lasciare andare l'aspettativa e il tentativo di controllare il mondo e le persone, adattandosi a ciò che è disponibile e possibile in ogni momento.

Quello stato di servire il mondo con i propri talenti al massimo livello senza aspettarsi nulla in cambio è l'Amore.

6 tipi di relazioni per applicare il principi universali

È molto importante prestare attenzione ai diversi tipi di relazioni, perché una sfera aiuta l'altra a fluire. Lo stesso vale per gli ambiti della vita.

Più evolviamo nelle nostre relazioni, più abbondanza e fluidità generiamo a livello finanziario, di carriera, di obiettivi, di autostima e di salute.

  1. Amicizie: Persone che attiriamo per somiglianza e che sono nostri alleati nel perseguire i nostri obiettivi di vita. La base delle amicizie è dire la verità. Per farlo, dobbiamo rinunciare a cercare di piacere a tutti i costi, dando la priorità all'onestà;
  2. Partenariati: Con loro condividiamo valori e scopi, pur avendo caratteristiche di personalità complementari e opposte. Le relazioni di coppia sono di grande importanza per lo sviluppo della coscienza, perché in esse il principio speculare della legge di proiezione diventa molto evidente;
  3. Se stessi: Più ci connettiamo con Dio o con qualcosa di più grande, più riconosciamo l'essenza in noi stessi;
  4. Gli altri (cittadinanza): Affinché questo tipo di relazione fluisca, possiamo basarla sulla verità, sulla gentilezza, sul dialogo e sul rispetto;
  5. Famiglia: Ancora una volta, è importante ricordare che i nostri genitori e i nostri figli non sono nostri, ma stanno solo condividendo con noi una fase della loro esistenza;
  6. Dio o mentore: È la relazione più importante di tutte, che ha il maggiore impatto sulla nostra felicità.

Se siete interessati a sviluppare i principi che operano in tutti i tipi di relazione, vi consigliamo di leggere il libro Il potere dell'empatia Attraverso questo lavoro, avrete accesso a concetti didattici e suggerimenti di pratiche semplici e potenti per migliorare tutte le vostre relazioni personali, sviluppando abitudini allineate con le leggi universali della saggezza e dell'amore.

Douglas Harris

Douglas Harris è un esperto astrologo e scrittore con oltre due decenni di esperienza nella comprensione e interpretazione dello zodiaco. È noto per la sua profonda conoscenza dell'astrologia e ha aiutato molte persone a trovare chiarezza e comprensione delle loro vite attraverso le sue letture dell'oroscopo. Douglas ha una laurea in astrologia ed è apparso in varie pubblicazioni, tra cui Astrology Magazine e The Huffington Post. Oltre alla sua pratica di astrologia, Douglas è anche uno scrittore prolifico, avendo scritto diversi libri di astrologia e oroscopi. È appassionato di condividere le sue conoscenze e intuizioni con gli altri e crede che l'astrologia possa aiutare le persone a vivere una vita più appagante e significativa. Nel tempo libero, Douglas ama fare escursioni, leggere e trascorrere del tempo con la sua famiglia e gli animali domestici.